hollister filialen

Chippendale Corner Chair

GUEST: I got it about 50 years ago, bought it hollister filialen up on the Hudson River, some antique shop, had it appraised in ’82, and they couldn’t say whether it was 100 at that time 100 year old chair or a 200 year old chair.

APPRAISER: A lot of people call these corner chairs. Museum catalogs often refer to this as a roundabout chair, and some citations in the South call

hollister filialen

it a smoking chair. Now, we both know something about this chair, that if I lift the seat up. we want to show everybody, okay? And what do we have there?

APPRAISER: It’s a potty chair. (laughs) Now, potty chairs tend to drop the value of anything. It tends to be worth a fraction of what the standard model is. So it’s very important for us to look at this chair and decide when that piece of wood got in there. Okay?

GUEST: Okay.

APPRAISER: A lot of times, they had a skirt that would hide the pot, and what they would do then is cut the skirt off to make it a more appealing chair. So what I’m going to do is, I’m going to tilt it up, and if you look here, you see these strips that are nailed in, and see these nails? These strips are slightly later. Not a lot, but just enough later that it lets me know they put the potty in later. And a lot of times, somebody couldn’t leave the bedroom, and so they took an existing chair and just turned it into a potty chair. The other more important thing is when I look at these rails, there’s no evidence whatsoever that they cut the rail to trim something to hide the pot. So, I’m very comfortable that it didn’t start life as a potty chair with a deeper skirt. So that. to me, that’s very, very important. Let me turn it back here. The fact that they converted it later doesn’t really affect value. I love the legs. It’s got four cabriole legs with ball and claw feet. That back leg is very unusual to be a cabriole leg. Typically, it’s a simpler leg than the other three. We’ve hollister san tropez got a beautiful S curve here, very nice, and a pierced splat with what they call the floating diamond. This does come from New York City. Very hollister filialen typical of the New York style when you look at the way the cabriole legs are done, look at the way the shell is done, and this pattern of splat specifically are all very typical of New York. The name that most often is associated with this type of splat is Gilbert Ash. Now, it’s not signed, it’s not labeled, hollister maastricht adres and we can’t prove it is Gilbert Ash. But if we were going to put up a candidate, he would be first on the list.

GUEST: Okay.

APPRAISER: Do you remember how much you had to pay for it?

GUEST: Well, I bought it with some other items at the time. I think it was about $750, $800.

APPRAISER: When you had it appraised in 1982, what was the value then?

GUEST: It was $6,800. But that was the appraiser that said he couldn’t verify whether it was a 200 year old chair or a 100 year old chair.

APPRAISER: Well, you know, I would guess the finish, which is not the one we most want, was probably what threw him off. It’s a really good chair. In a retail setting, this would be priced at around $250,000 to $300,000.

hollister firenze

Chipping away at British and American English

It has been said that Great Britain and the United States are two nations divided by a common language. When it comes to potatoes, this is most evident in three words: chips, fries, and crisps. Basically, British crisps are US chips, while British chips are US fries/French fries. Confused? Let’s look a little closer.

In the Oxford English Dictionary, the word “chip” is first recorded in the context of food in around 1440, when it meant “a paring of bread crust.” This sense became obsolete in the sixteenth century. We next see an OED food reference in 1769:

Put salt in the water for either oranges preserved, or any kind of orange chips.

These “chips” were slices or chunks of fruits or vegetables, such as apples, potatoes, and peaches, and were cut in various sizes and shapes. A newly arrived Jewish immigrant from Eastern Europe, Joseph Malin, is credited with opening the first fish and chip shop in the East End of London in the 1860s.

The United States developed its own vocabulary for variations on fried potatoes. Americans had a penchant for thin chips, and recipes for slender, crisp fried potato slices first appeared in 1824. By the mid nineteenth century, fried potato slices were called potato chips or Saratoga chips, named for Saratoga Springs, a popular resort city in upstate New York, where they were popularized. In the late nineteenth century, when deep fried julienne potatoes (potatoes cut into thin strips) became popular in England, they were still called “chips,” “chip potatoes” or “fried chip potatoes.” To avoid confusion with the already popular potato chip, Americans used a variety of terms for these potato sticks German fried potatoes, German fries, French fried potatoes, and French fries.

A political hot potato

When the United States entered World War I, the word “German” was expunged from many American phrases, and French fries hollister clothing store netherlands became the favored term for thin potato sticks. Similarly and more recently, when the French refused to support the American invasion of Iraq in 2003, US Representative Robert W. Ney, the Chair of the House Administration Committee, ordered all references to “French fries” be expunged hollister orange dress from the menus of the restaurants and snack bars run by the House of Representatives. French fries were duly renamed “Freedom Fries.” However, unlike “French fries,” the term “Freedom Fries” has never really caught on.

The global chip?

When American style potato chips were introduced in Great Britain in the 1920s, to avoid hollister firenze confusion with the established term “chip potatoes” they were called potato crisps or simply crisps. Over time, though, these clearly drawn distinctions became blurred. For instance, British style batter fried fillets and fried potatoes have become popular in the United States and Canada, and even on the western side of the Atlantic they’re called “fish and chips.” Similarly, when thin French fries along with hamburgers and other American fast foods went global, the word “fries” became the standard term in many English speaking countries (at least in fast food outlets). Likewise, as American snack foods were marketed overseas, the term potato chips

hollister firenze

was adopted throughout the world, even in the United Kingdom although most people there do still call them “crisps.”

The creators of novel potato based snacks have introduced some new coinages to the world of chips and crisps. In 1967, General Mills introduced Chipos, said to be tastier, crisper, lighter, and less oily because they were fried much faster than traditional potato chips. Two years later Procter Gamble introduced Pringles, made from dehydrated and reconstituted potatoes. Pringles are uniform in size and shape, so they can be stacked and packaged in a tube. Chipos didn’t make the cut as a commercial product. Pringles were a tremendous success and are sold all over the world, but apparently the time has not arrived for them to be enshrined in an Oxford dictionary.

The opinions and other information contained in OxfordWords blog posts and comments hollister firenze do not necessarily reflect the opinions or positions of Oxford University Press.

hollister en co

Chiricahua National Monument travel guide

Chiricahua National Monument [1] is a unit of the United States national park system in Southeast Arizona. It preserves sites of historic and cultural interest, but is mainly famous for an amazing assortment of weird rock formations that beckon the hiker and photographer.

The Chiricahua Mountains were part of the traditional homeland of the Chiricahua Band (“band” is the proper designation for this group, not “tribe”) of the Apache Indian nation. The Chiricahuans had numerous clashes with settlers and travelers during the 19th century, many resulting (or so the Chiricahuans claimed, at least) from the “white man’s” violation of previously negotiated treaties governing land use. The Apache leaders Cochise and Geronimo were members of the Chiricahua Band who were famed, and feared, in their day. Territory of the monument was used as a safe haven by the Chiricahuans until the cessation of hostilities; many place names in southern Arizona, including that of Cochise Stronghold, another highly scenic site in the region, date to this conflict and memorialize its more illustrious figures. national parks and monuments that came into being in the first third of the 20th century (1924), by which time the conflict with the Chiricahua Band had receded into the past. The primary purpose was to protect the rock formations for which the monument is famed. Much of the park’s infrastructure dates to a slightly later time, as it was one of the sites of public works projects during the Great Depression.

Swedish immigrants Neil and Emma Erickson settled in Bonita Canyon, in the lower reaches of the monument, in the 1880s, and operated the Faraway Ranch on what is now monument property. It was originally a working ranch, but in the 20th century became a guest ranch (“dude ranch”) with reasonable success well into the monument’s modern history. The most accessible, and in many regards most interesting, formations are in several canyons (notably Echo Canyon) high on the side of the Chiricahua Mountains, which extend into neighboring Coronado National Forest. The Chiricahua Mountains are an example of a “sky island,” an isolated group of mountains rising without preamble or foothills from the surrounding desert. Sky islands are prominent landforms in southern Arizona, and several of the others in the region, for example Cochise Stronghold in the Dragoon Mountains west of Chiricahua, are scenic attractions in their own right, although lacking Chiricahua’s remarkable rock formations.

The park entrance is at an elevation of about 5000 feet. The trailheads for the main formations in Echo Canyon and vicinity are at about 7000 feet, high enough that the visitor from the lowlands may notice the rarefied air; plan to be a little more winded than you expect when hiking, and allow a bit of extra time for your explorations. The high point in the Chiricahua Mountains is above 9000 feet, but lies outside the monument.

Note: Rock climbing is generally prohibited in the monument. The rock formations look as though they may pose interesting boulder problems, but they’re fragile (and rotten), and have been placed off limits to protect their scenic beauty.

Flora and fauna[edit]

Chiricahua stands at the junction of several North American biomes, and has an interestingly diverse population of flora and fauna to match. The characteristic medium to large mammals of the park are the coatimundi and javelina (peccary), both more typical of areas to the south, and white tailed deer, black bear and the occasional mountain lion, all more commonly associated with the mountainous regions to the north. Even the occasional jaguar strays north from Mexico, although you almost certainly won’t see one. Most of the larger animals are crepuscular (active at dawn and dusk) and difficult to observe during daylight hours.

Birds are similarly diverse, and almost 200 species have been recorded at the park. Many of them are either “erratics” that wander up from Mexico or migratory species that are only around for brief periods in spring and fall. A spectacular example of the first class that you won’t see in many places in the United States is the elegant trogon (“elegant” is part of the name of the bird, not a description); count yourself lucky if you see one. Seeing raptors or ravens while you’re out on the trails is much more common.

Rattlesnakes are common in the park, mainly although not exclusively at the lower elevations. The rock formations produce good hiding places for snakes, so be careful where you put your hands when hiking; your main chances for dangerous rattler encounters come from poking a hand into a rock crevice where a snake is resting or sunning. The dangerously venomous (but unusually inoffensive) coral snake is also present in the park, although you’re more likely to see its non venomous look alike, the scarlet king snake. Other reptiles include all manner of lizards, particularly skinks, and a single species of dry land box turtle; hollister en co you’re likely to see lizards as you hike, but finding the turtle is a treat.

As for flora, the usual junction of biomes observations apply, with mountain (ponderosa pine) and desert (yuccas, all kinds of cactus) species coexisting in the park. However, as even the lowest parts of the monument are still well above the plain level, summer heat isn’t as beastly here as in much of Arizona. Temperatures cited below are typical of the visitor center and campground, which are at low elevations; conditions “on top” will be about 10 to 15 degrees cooler on average, with more precipitation.

Spring (March and April) is the most popular time to visit, as temperatures are generally moderate (highs around 70F at the visitor center) and there is little precipitation. Strong winds at this time can be annoying, particularly at the higher elevations where the temperature is a bit lower, but most of the hiking trails are sheltered and reduce exposure to the wind. Temperatures gradually rise into June, the hottest month of the year, with average highs around 90 F and daily highs above 100 F not unknown. Monsoonal rains usually start in July and cool things down by 10 degrees or so; July and August are the wettest months, with typically about 3 inches of rain falling in each, generally accompanied by fierce electrical storms that occur almost daily. If you’re visiting during these months, plan to start your day early and be off the highest points by early afternoon to avoid lightning hazard. The storms taper off in September, leading to fall conditions that many view as offering the best time to visit; it’s unusual to get temperatures below freezing at the visitor center/campground until the end of October, and even November won’t see freezing temperatures until mid month most years. Winter at Chiricahua is generally temperate, with highs in the 50s or low 60s and about 12 inches of snow in an average year (more in the high country).

A climatic quirk of Chiricahua is the chubasco, a violent, localized storm resulting from the decay of low pressure systems in the Gulf of California. Rainfall and lightning during a chubasco can be almost unbelievably intense for brief periods, and winds can reach hurricane force. The effects are highly localized; the monument may be getting bombarded while

hollister en co

some of the other “sky islands” 50 miles away are unaffected. Driving to and from the monument during a chubasco can be a hairy experience, and you certainly don’t want to be in the high country while one is in progress. The effects of the chubasco might last two or three days.

Get in[edit]

Chiricahua is about 120 miles east of the major city of Tucson, which has good air service. From Tucson, proceed east by car on Interstate highway 10 to the small town of Willcox and Arizona highway 186, then follow SR 186 south for 32 miles to SR 181, which leads to the entrance. There are no reliable services between Willcox and Chiricahua; gas up in town, and if you’re camping, pick up food there as well.

From the east (New Mexico), you can follow I 10 to Willcox and proceed as above, but for a scenic alternative, you can attempt an east side approach via Apache Pass Road from exit 366 and the small town of Bowie (Arizona). The route passes Fort Bowie National Historic Site [2], one of the very few National Park Service units in the “lower 48″ that you must hike into, rather than drive. If you’re up to the 3 mile round trip hike (generally on level, well maintained trail) and have a couple of hollister en co hours to kill en route to Chiricahua, it’s an interesting site to visit. The road continues on over Apache Pass and connects with SR 181. The trails through the formations are hollister london all done on foot; no motorized traffic or horses are allowed on them.

The trademark hike at Chiricahua (see under “Do”) is from the trailheads at the upper end, one way back to the visitor center/campground. To avoid the necessity of leaving a car at each hollister clothing store netherlands end of this trail (or of hiking back to the top, which again is an exercise in pain), take advantage of the shuttle service operated by the visitor center. A 14 passenger van takes hikers to the trailheads on top, with departure from the visitor center at 8:30 AM. Use of this shuttle is on a by reservation only basis; get your reservation at the visitor center on the day before you’re riding on it, or if you’re in a gambling mood, show up at the visitor center promptly at 8:00 and see if there’s still space available on the shuttle. Chiricahua is more of a “do” park than a “see” park, and you’ll have to do some hiking to get to the best scenery. However, you can get a good overall sense of the rock formations from Massai Point, an overlook at the end of the 8 mile scenic drive beyond the visitor center. Wildlife encounters on the road to the overlook aren’t uncommon; remember that the critters have the right of way (and the coatis, in particular, will cheerfully assert it).

hollister den haag

Chirurgia della cataratta con il laser a femtosecondi

L di questo nuovo strumento sicuro e affidabile ha gi rivoluzionato la modalit di correzione dei difetti visivi come la miopia e che ora sta rivoluzionando la chirurgia della cataratta

Quando un persona vede la vista appannarsi quasi sempre vuol dire che arrivata la cataratta. Oggi, l di cataratta non vuole dire solo rimozione della piccola lente situata all dell per ridare chiarezza di vista, vuol dire anche riabilitazione funzionale e ci avviene con l di un cristallino artificiale, frutto di una tecnologia raffinatissima. Ma, cosa molto importante oggi, questo intervento sempre di pi anche un intervento rifrattivo; cio in mani esperte e competenti consente anche la rimozione di eventuali difetti preesistenti; cio se prima il paziente portava agli occhiali per miopia, per astigmatismo o per ipermetropia, dopo l pu vedere corretto anche il suo difetto preesistente! Non solo il paziente giustamente vuole anche qualit visiva e quindi il chirurgo oculista ha il compito

hollister den haag

di dare al paziente oltre alla quantit della visione anche la qualit E per raggiungere questo obiettivo necessario eseguire una chirurgia pi possibile, che oltre a ridurre gli eventuali preesistenti difetti visivi, mantenga la capacit di messa a fuoco a distanza ravvicinata. A tal fine il nuovissimo laser a femtosecondi pu portare molti benefici al paziente e al chirurgo; questo strumento con la sua precisione, sicurezza, affidabilit accuratezza, ripetibilit ha aperto una nuova era nella chirurgia della cataratta.

L di cataratta, apparentemente semplice o percepito cos dal paziente richiede al chirurgo anni ed anni di preparazione, grande competenza e notevole abilit chirurgica; eseguito da un chirurgo esperto per l pu essere considerato sicuro ed il risultato visivo significativamente migliore di quello ottenibile fino a pochi anni fa; tutto ci grazie al progredire della tecnologia e della scienza medica.

La chirurgia della cataratta un intervento che si serve ampiamente della tecnologia, che migliora con il passare del tempo. E ora, dopo decenni che medici e pazienti aspettavano questo momento, finalmente il laser pu essere utilizzato nell di cataratta: si tratta del laser a femtosecondi, uno strumento che ha gi rivoluzionato la modalit di correzione dei difetti visivi come la miopia e che ora sta rivoluzionando la chirurgia della cataratta.

Il laser a femtosecondi pu in condizioni di sicurezza il materiale costitutivo del cristallino naturale opacato. E non solo.

Nella chirurgia della cataratta come solitamente viene svolta oggi con facoemulsificatore esistono diversi passaggi o step chirurgici.

Si parte con una piccola incisione alla periferia della cornea per penetrare all del hollister and co bulbo, poi si procede con l dell anteriore della cataratta per arrivare alle strutture opache interne del cristallino opacato (cataratta), quindi si frantuma la parte centrale della cataratta con una con una sonda ad ultrasuoni; i frammenti poi vengono aspirati con un sistema di irrigazione ed aspirazione prima di introdurre il cristallino artificiale nell della preesistente cataratta. Il laser a femtosecondi permette di eseguire il taglio corneale monitorando la sua estensione e profondit consente anche il taglio dell anteriore per il raggiungimento della parte opaca catarattosa ed infine permette di frantumare la cataratta stessa per la successiva aspirazione. Le incisioni sulla cornea, necessarie per rimuovere i frammenti della cataratta e inserire poi il cristallino artificiale, sono molto precise, nette hollister den haag e facilmente programmabili e riducono il problema del possibile astigmatismo corneale postoperatorio, indotto dall con possibilit anche della correzione di quello preesistente. L con laser sulla capsula (involucro della cataratta) permette grande precisione e aumentata sicurezza; ci facilita l del cristallino artificiale con una maggior certezza nella centratura. La frantumazione della cataratta con laser a femtosecondi riduce (ma non elimina ancora del tutto) l della frammentazione classica fatta con la sonda ad ultrasuoni che, comunque, allo stato attuale della chirurgia con femtolaser ancora necessaria; poter usare il laser comunque gi un grande vantaggio perch minore la manipolazione meccanica all dell minore il rischio che le strutture possano soffrire per l

Oggi la chirurgia della cataratta comporta quindi: incisioni microscopiche, parte dell eseguito con laser, aspirazione dei residui catarattosi ammorbiditi con il laser, e, contemporaneamente, avviene la rimozione anche di eventuali difetti visivi esistenti prima hollister usa (cio miopia, ipermetropia e astigmatismo). Se indicato pu anche essere inserito un cristallino multifocale che consenta visione da lontano e da vicino senza occhiali. Un grande e radioso futuro hollister den haag per che ha problemi di cataratta e non solo! Il vantaggio nell del laser in alcuni passaggi chirurgici sicuramente la precisione del taglio, la sua prevedibilit la sua riproducibilit la maggior possibilit di pianificazione soprattutto in funzione dell di lenti multifocali e accomodative. Con il laser, il paziente riceve un intervento senza che siano utilizzati taglienti (aghi, bisturi, etc.). Il laser a femtosecondi una realt che ha un grande futuro nella chirurgia della cataratta. (LUCIO BURATTO).

hollister duitsland

hollister duitsland Chirurgia epatobiliare

Primario: prof. Gianfranco Ferla un’unità multidisciplinare per il trattamento integrato delle patologie maligne e benigne del fegato di interesse chirurgico e internistico, ma anche per il hollister portugal hollister duitsland trattamento della patologia dei vasi linfatici. Inoltre, tratta chirurgicamente l’obesità patologica.PRINCIPALI PATOLOGIE E TRATTAMENTIL dispone di unaLiver Unit e di una Chirurgia Generale.La Liver Unit si occupa delle patologie del fegato di tradizionale interesse chirurgico e hollister maxi skirt wit kant internistico che comprendono:tumori primitivi benigni del fegato (angioma, adenoma, iperplasia nodulare focale);tumori secondari del fegato (metastasi);malattie parassitarie del fegato;L’unità, in stretta collaborazione con il servizio di Endoscopia digestiva e di Radiologia interventistica, comprende tutte le tecniche, le procedure e i presidi necessari, compresi:La chirurgia generale in particolare si

hollister duitsland

occupa di:patologia dei vasi linfatici;Trattate con le tecniche piùmoderne, tra cui il bendaggio gastrico per via laparoscopica e i drenaggi linfovenosi.

hollister dames

Chirurgia estetica

Del suffisso aholic se ne potrebbe fare un cospicuo uso. Ci sono le botox aholic, le hollister uk clothes lifting aholic, le lipo aholic. Ci sono, vivono fra noi e portano in giro la loro chiamiamola così difficoltà di invecchiare. hollister vesten Di più, la difficoltà di invecchiare ce l’hanno dipinta in faccia. Guardi Melanie Griffith, Lindsay Lohan e Pamela Anderson e capisci. Capisci che la gente, per cancellare le zampe di gallina, è disposta a molto, anche a rinunciare a zigomi di normale caratura. Tant’è, ognuno ha le sue priorità.

Non bisogna però generalizzare. Certo, ci sono le aholic, ma c’è anche chi, nel pieno delle sue hollister dames facoltà mentali, decide di rifarsi un ritocchino, per poi ritrovarsi con un bel fail stampato su viso o corpo. In gergo si chiamano labbra “a canotto”, liposuzioni “a fossetta” e décolleté surrealisti. La colpa? Nella maggior parte dei casi è di chi esegue gli interventi.

“Il dato”, spiega Giulio Basoccu, chirurgo estetico e responsabile della Divisione di Chirurgia Plastica, Estetica e Ricostruttiva dell’Istituto Neurotraumatologico Italiano (Ini) “Emerge da uno studio eseguito su un campione di 400 persone entrate in sala operatoria per interventi di chirurgia estetica. Di queste il 30% tornava sotto i ferri per un nuovo intervento che potesse correggere gli errori”. “Il punto è che per avere buoni risultati dopo una mastoplastica additiva, l’ingrandimento del seno, l’esperienza del chirurgo

hollister dames

hollister dames è fondamentale”.

Altro tasto dolente è la liposuzione: “I pazienti arrivano con buchi sulle gambe e sui fianchi. Accumuli di grasso non aspirato bene e spostati in altre sedi. Bisogna intervenire nuovamente e non è facile”.

Senza dimenticare le labbra: “Nella maggior parte dei casi si tratta di donne che cercano di liberarsi del silicone che si sono fatte infiltrare da medici che non hanno avuto in alcun modo il senso dell’armonia, creando così bocche di dimensioni innaturali. Cerchiamo quindi di eliminare il silicone, ma l’operazione è delicata”, avverte Basoccu.

In sintesi: per evitare di chiedere una mezza misura e di uscire con décolleté di Dolly Parton, meglio informarsi. “Il medico deve servirsi di strutture adeguate ed essere un vero specialista iscritto alle due più note Società di specialisti medici in questo settore, SICPRE e AICPE”, conslude Basoccu.

Star News

Kim Kardashian e Kanye West: il brunch al castello di ValentinoAl castello di Wideville, in Francia, il brunch organizzato da Valentino Garavani per gli sposi Kim Kardashian e Kanye West. Ecco gli scatti in esclusiva. Domani il grande giornoPeople Stars

Paolo SariPaolo Sari, chef del primo ristorante organico stellato, Elsa, al Monte Carlo Beach. Fotogallery

L’oroscopo del giorno24 maggioL’ossessione del giorno

Il matrimonio tra Kim Kardashian e Kanye West: il giorno primaA un giorno di distanza dall’evento dell’anno ecco un riassunto delle cose che sappiamo (e che non sappiamo) sul matrimonio di Kim Kardashian e Kanye WestVogue Arts

MIA Fair MilanoTorna a Milano (da oggi fino al 25 maggio, al Superstudio Più di Via Tortona) il MIA, la Milan Image Art Fiar

hollister clothing company

Chirurgia Generale e delle Urgenze

Primario: dott. è di gestire e trattare sia grey and orange hollister hoodie le patologie chirurgiche a esordio acuto provenienti dal hollister portugal pronto soccorso, sia quelle patologie chirurgiche che rientrano nei criteri di ricovero delle unità funzionali presenti nel Dipartimento di hollister clothing company Scienze Chirurgiche.

Lo staff medico si distingue inoltre per la competenza nella gestione del paziente politraumatizzato. Il nostro Istituto viene infatti considerato punto di riferimento per questo tipo di patologia nel territorio.

PRINCIPALI PATOLOGIE TRATTATE IN URGENZA

Occlusioni intestinali da causa tumorale e/o aderenzialePatologie dello stomaco complicate (ulcere gastroduodenali sanguinanti o perforate, tumori dello stomaco sanguinanti o condizionantistenosi gastrica)

Patologie del colon complicate (tumori sanguinanti o condizionanti stenosi colica da

hollister clothing company

occlusione, diverticoliti associate a peritonite, hollister clothing company perforazioni colica)

hollister clothing uk

Chirurgia pancreatica

Una malattia pancreatica (tumore del pancreas o pancreatite) richiede una competenza particolare. difficile inquadrare e curare correttamente una malattia del pancreas da parte di un medico che solo occasionalmente incontra un paziente con questo problema, perché le malattie pancreatiche sono rare, la diagnostica è difficile e la chirurgia è estremamente complessa.

Il cancro del pancreas (adenocarcinoma) può essere una malattia molto aggressiva; altre forme di tumore del pancreas lo sono molto meno. Talvolta il tumore del pancreas è benigno e bisogna saper distinguere le forme che richiedono un intervento chirurgico da quelle che meritano solamente di essere seguite nel tempo. In altri casi un quadro di pancreatite cronica può essere confuso con un tumore del pancreas, o viceversa.

L di Chirurgia Pancreatica del Dipartimento di Chirurgia è un con grande esperienza nel trattamento del tumore al pancreas e delle pancreatiti e dispone della tecnologia più avanzata per offrire il miglior trattamento possibile ai nostri pazienti, inclusa la chirurgia mininvasiva (o laparoscopia), con cui vengono effettuati la maggior parte degli interventi di pancreasectomia distale. l centro italiano con esperienza nell di isole pancreatiche, una tecnica che permette di ridurre il rischio di diabete quando una parte del pancreas malato deve essere asportata per motivi tecnici. Inoltre, il nostro Istituto offre una grande competenza in pancreatologia anche da parte degli altri servizi specialistici non chirurgici (endoscopia, radiologia, oncologia medica, radioterapia e anatomia patologica), per offrire le adeguate competenze per la diagnosi, la cura e la ricerca nell delle malattie pancreatiche.

L DELL IN CHIRURGIA PANCREATICA

Numerosi studi scientifici, pubblicati sulle maggiori riviste mediche internazionali, hanno dimostrato che i rischi di gravi complicanze dopo un

hollister clothing uk

intervento di chirurgia pancreatica hollister clothing uk sono più alti nei centri che eseguono raramente questi interventi (1 10): ad esempio, uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine (1) ha evidenziato che il tasso di mortalità dopo il più frequente intervento di chirurgia pancreatica (duodenocefalopancreasectomia) è molto maggiore nei centri “a basso volume” di chirurgia pancreatica (mortalità = 16.3%) rispetto ai centri “ad alto volume” (mortalità= 3.8%). Questo studio ha definito i centri ad alto volume come quelli che eseguono almeno 16 interventi di duodenocefalopancreasectomia all’anno. Anche in Italia è stata confermata la relazione tra esperienza dell’ospedale e rischio operatorio: un’analisi dei dati raccolti dal Ministero della Salute, ha mostrato che in Italia, in un ospedale con poca esperienza in chirurgia pancreatica, il paziente ha un rischio di morire aumentato di 5 volte rispetto agli ospedali con più esperienza (11). Lo studio ha infatti suddiviso gli ospedali italiani in quattro classi, in base al “volume” di interventi realizzati: la mortalità operatoria si è ridotta in modo progressivo all’aumentare dell’esperienza dell’ospedale. stata, infatti, il 12.4% negli ospedali che eseguono 1 5 interventi/anno, il 7.8% in quelli che eseguono 6 13 interventi, il 5.9% in quelli che eseguono 14 51 interventi, e solo il 2.6% nei due ospedali con maggiore esperienza, che eseguono 80 100 interventi all’anno.

bassa esperienza media esperienza alta esperienza altissima esperienza

Il nostro Istituto esegue circa 150 resezioni pancreatiche all’anno (la maggior parte delle quali per tumore del pancreas) e la mortalità operatoria è inferiore al 3%.

Studi che confermano la relazione tra “volume” di chirurgia pancreatica e mortalità operatoria

PRINCIPALI PATOLOGIE E TRATTATAMENTI

I tumori del pancreas

La pancreatite acuta

La pancreatite cronicaL’attività di ricerca clinica in cui è coinvolta la nostra Unità ha due principali obiettivi: il hollister clothing uk miglioramento dei risultati attuali nel trattamento dei tumori del pancreas hollister bikini roze e il miglioramento della tecnica chirurgica, per ridurre ulteriormente il tasso di complicanze post operatorie di questi interventi.

Per quanto riguarda il trattamento del tumore del pancreas, gli studi più importanti in ambito clinico sono svolti in collaborazione con il Servizio di Radiochemioterapia e con il Servizio di Gastroenterologia. Riguardano la valutazione di nuovi schemi di chemioterapia, sia in fase preoperatoria (neoadiuvante), che postoperatoria (adiuvante) e l’utilizzo di un trattamento innovativo (criotermoablazione per via ecoendoscopica) nel tumore del pancreas, quando non può essere asportato per via chirurgica.

Altre attività di ricerca dell’Unità sono rappresentate dalla stretta collaborazione con gruppi di ricerca di base del nostro Istituto. Questi studi hanno l’obiettivo di sviluppare futuri trattamenti antitumorali e riguardano i seguenti argomenti: l’isolamento di cellule staminali dal cancro del pancreas e lo studio dei meccanismi che regolano la loro crescita e sopravvivenza; l’interazione tra hollister california stroma e tumore del pancreas nella crescita del cancro; lo studio della risposta immunitaria nei confronti del cancro del pancreas e lo sviluppo di un vaccino antitumorale.

Per quanto riguarda lo studio di nuove tecniche chirurgiche, stiamo valutando i seguenti aspetti: l’efficacia dell’autotrapianto di isole pancreatiche negli interventi ad alto rischio di complicanze, allo scopo di evitare la comparsa di fistole pancreatiche e di prevenire la comparsa di diabete; l’efficacia di supporti biologici in chirurgia pancreatica; l’utilizzo di nuove tecniche nella ricostruzione dopo duodenocefalopancreasectomia.

Infine, l’Unità di Chirurgia Pancreatica è coinvolta in numerosi studi e attività multicentriche: la definizione di linee guida italiane sulla pancreatite acuta e sulla pancreatite cronica; il coordinamento di uno studio epidemiologico sui tumori endocrini del pancreas; la valutazione del ruolo di nuovi farmaci nel trattamento dei tumori endocrini del pancreas; la creazione di un registro per il carcinoma del pancreas familiare; la definizione di parametri predittivi di malignità neli tumore cistico del pancreas.

Marco Braga Primario di Chirurgia, Professore Associato di Chirurgia Generale, Università Vita Salute San Raffaele, supervisore dell clinica e di ricerca.

hollister clothing telephone number

chirurgo apparato digerente

Diverticolosi e diverticolite: la realtà è un’altra 02/05/2014 hollister duitsland Letta 4393 volte Commenti: 3

La diverticolosi, ovvero presenza di diverticoli al colon una condizione diffusa nei paesi occidentali, riguarda il 50% dei hollister groningen cinquantenni, il 60% dei sessantenni e quasi il 70% degli ultrasettantenni. 15/11/2012 Letta 3739 volte Commenti: 1

Il termine gastrite è spesso usato in modo improprio e fuorviante nel linguaggio comune.

Svariate situazioni nelle quali compare dolore o bruciore epigastrico hollister clothing telephone number non meglio caratterizzato vengono etichettate come ‘gastrite’. E’ ora di cambiare? 27/11/2011 Letta 6124 volte Commenti: 6

Lo schema comunemente utilizzato per eradicare Helicobacter Pylori (amoxicillina 1 g, lansoprazolo 30 mg e claritromicina 500 mg due volte al giorno per 10 giorni ) è efficace in non più dell’ 80% dei casi. Oggi hollister clothing telephone number

hollister clothing telephone number

sceso al terzo posto (preceduto da polmone, prostata nell e mammella nella donna) in entrambi i sessi per tre ragioni:

La malattia da reflusso ed i sintomi correlati sono comuni nelle popolazioni occidentali, determinano un peggioramento significativo della qualit della vita e aumentano il rischio di adenocarcinoma esofageo.

hollister chapstick

Chist’è ‘o paese d”o sole

“Fotovoltaico: l’Italia investe per anni e poi butta tutto. Grandi risultati dal 2005 al 2012, ma il settore è stato abbandonato ad un passo dalla maturità: si premia così la speculazione a discapito delle politiche sull’occupazione e sul lungo termine.

Poniamo che io sia un padre di famiglia e voglia insegnare a mio figlio un mestiere: il falegname per esempio. Lo sostengo economicamente, lo aiuto a comprarsi l’attrezzatura e gli commissiono dei lavori per casa nostra per impratichirsi. Il ragazzo è bravo ed impara in fretta, in poco tempo costruisce bei mobili a prezzi sempre più competitivi. E’ pronto ad aprirsi partita IVA e mettersi in proprio. A questo punto dico: “Basta, hai fatto troppo, lascia perdere, smantella il laboratorio e trovati un altro lavoro, da me non avrai più supporto”.

Questo è ciò che l’Italia ha fatto con il settore del fotovoltaico, con le persone e le aziende che hanno investito in esso. La nostra nazione è stata pioniera, con poche altre, iniziando nel 2005 un costoso e moderno piano d’incentivazione all’energia solare. Uno sforzo encomiabile per sviluppare una fonte d’elettricità promettente da tanti punti di vista. Il sole è una risorsa che abbiamo in abbondanza e ci permette di ridurre la nostra dipendenza dall’estero, dalle oscillazioni dei prezzi, dai ricatti di potenti e dittatori stranieri; è una produzione di energia pulita che non inquina il territorio e la nostra aria; ma soprattutto è una miniera rinnovabile, da cui possiamo attingere per millenni. Infine, è un sistema di produzione che può essere distribuito sul territorio, su migliaia di medio, piccoli e microscopici impianti di proprietà di cittadini e aziende, creando posti di lavoro diffusi. L’obiettivo era dare l’avvio ad un mercato che doveva industrializzarsi, creare economie di scala e ridurre i costi di produzione in modo da fare, gradualmente, a meno del supporto pubblico.

La notizia sensazionale è che ce l’abbiamo quasi fatta! Nel 2010 l’Italia era il secondo mercato mondiale del fotovoltaico, dopo la Germania, creando più di 100mila posti di lavoro in un contesto di crisi generale. Dal 2008 al 2012 la produzione di energia elettrica da fonte solare è passata da 0,2 TWh (lo 0,05% del fabbisogno nazionale, una quota insignificante) a 18,9 TWh (il 5,5%, ovvero quasi la metà della produzione di tutti gli impianti idroelettrici operativi in Italia, costruiti nel corso di decenni). Il tasso di crescita del settore è stato di oltre il 300% annuo e l’energia elettrica che generiamo con il sole in Italia equivale alla produzione di un paio di moderne centrali nucleari. Una capacità produttiva realizzata in soli 5 anni! Nel frattempo, l’economia di scala, la competizione, la specializzazione delle aziende hanno fatto crollare i prezzi. Un impianto fotovoltaico nel 2013 costa il 70 90% in meno del 2005. In altre parole, la politica di incentivazione ha funzionato: il settore si è rafforzato, è maturato ed è diventato quasi autonomo, quasi in grado di fare a meno del sostegno pubblico. Quasi.

Oggi continuare a sostenere questo settore costerebbe pochissimo, infinitamente meno del lontano 2005. Si può anzi ritenere che i soli benefici economici indotti (introiti da IVA e altre tasse, posti di lavoro, benefici ambientali, riduzione del costo dell’energia) coprano gran parte dei costi d’incentivazione. Invece, dal 6 luglio 2013, il fotovoltaico è incentivato (e peraltro ampiamente remunerativo) solo per i privati, attraverso la Detrazione Fiscale del 50% delle spese sostenute: come per molti interventi di ristrutturazione edilizia o manutenzione straordinaria. Non esiste alcun incentivo invece se lo stesso identico impianto è realizzato sul tetto di una parrocchia, di un’industria, di un centro sportivo o di qualunque altra realtà. Gli altri Paesi (Giappone in testa) ringraziano per lo sforzo profuso. Ora che il fotovoltaico costa poco stanno nascendo programmi incentivanti un po’ ovunque nel mondo.

Ed i posti di lavoro creati in questi anni? Nel 2010 sono stati installati nuovi impianti per circa 7 8 GW; nel 2013 i nuovi impianti saranno forse un decimo di tale cifra. Considerando la drastica riduzione di prezzi si stima che più del 90% degli addetti al settore ha dovuto trovare nuova occupazione o integrare la sua attività con altre. La mia personale esperienza lo conferma. Avevo otto addetti al settore fotovoltaico nel 2010; nel 2013 ho una sola persona operativa part time, mentre lo Stato sta sostenendo con i soldi della Cassa Integrazione altre tre persone che non riescono a ricollocarsi (un ulteriore costo per la collettività che vanifica il presunto risparmio ottenuto eliminando gli hollister uk clothes incentivi). La quasi totalità delle aziende che operavano in questo settore sono scomparse o drasticamente ridimensionate. Uno spreco di tempo, di energie e di denaro.

Certo, se invece di investire nella mia azienda avessi fatto anche io il mio piccolo “parco fotovoltaico” all’epoca in cui gli incentivi erano alti, adesso avrei una rendita garantita. Invece ho scelto di investire sul lungo termine, nell’azienda, convinto che questo fosse il settore del domani, di cui tutti avremo bisogno. E ne sono ancora convinto, in attesa che l’Italia investa sulle “smart grid” e riscopra il potenziale di energia rinnovabile che ha sempre avuto: il sole.” Ing. Valerio Morellato Morellato Energia sasPochissimi hanno disponibilità di somme elevate, anche un 6/8000 euro in due mesi sono inavvicinabili dalla maggior parte dei cittadini. Io proporrei un pagamento rateale, anche d 12 mesi con un anticipo di duemila euro alla firma del contratto. Questo sarebbe un vero hollister slippers incentivo per la grande massa che non ha disponibilità immediata di denaro. Il boom italiano non si fondò forse sulla rateizzazione degli acquisti? Io 5ricordo che persino le scarpe si compravano a rate e ci sarebbe un bel giro di denaro. APRITE GLI OCCHI propugnatori dello sviluppo. Il metodo rate assicurerebbe il lavoro a tanti industrie e dipendenti. Allè, allè Grillo fatti sotto come sempre con i tuoi. Dirompente il tuo incontro con Renzi. Sarà stato traumatico per lui?

Ammesso e non concesso che “Boia” sia un temine eccessivo vorrei sapere qual è il termine corretto da attribuire al presidente di una Repubblica democratica che tollera l’annichilimento dell’Opposizione in Parlamento. Vorrei anche sapere se il termine “fascista” va attribuito a chi impedisce all’Opposizione di esprimersi o a chi pretende democraticamente di farlo in Parlamento in rappresentanza di un terzo degli elettori del Paese. E infine vorrei dire al sig. D’Ambroso che nel calcio, un colpo volontario come quello che ha malignamente affibbiato alla Signora Lupo avrebbe comportato una squalifica di almeno sei giornate. Guardare la moviola per credere.

Danilo Gallorini 31.01.14 09:12Lo sapete che c’è moltissima confusione in giro tra energia e potenza e che le aziende su questa confusione ci marciano bene? Lo sapete che quando dicono che le energie rinnovabili sono il 20% si intende che il 18% sono idroelettriche e il 2 % tutto il resto? Prima di giudicare se un sistema è buono purtroppo bisogna studiarsi un pochino di termodinamica. Ed anche entrare nell’ordine di idee che la matematica non sta dalla parte dei buoni o dei cattivi. Sta là con buona pace di tutti. Alcuni dati. Il sole irradia mediamente 200 w al mq. E’ quindi più di quello non si può estrarre. L’efficienza, per limiti fisici sui prototipi non va oltre il 30%. Di fatto nella realtà con i pannelli che si sporcano e che non sono prototipi è tanto se stiamo al 14%. Un mq di terreno per energia solare sottrae un mq per le coltivazioni. Va bene per il privato che si fa la corrente per conto suo dquando può la vnde all’enel e quando non può la preleva. L’enel non può fare questo ragionamento perche di notte la deve comunque rodurre e così nelle giornate piovose e la deve produrre nella quantità esatta che occorre e con l’esatta frequenza e forma d’onda. I pannelli solari imitano questa forma d’onda e non è che sia proprio la stessa cosa. Non mi dite che la corrente è immagazinabile in delle batterie che è una assurdita solo tentare di pianificare un dispositivo di tale portate. E non pensiate neanche di utilizzare tutti i tetti di tutte le abitazioni che solo di cavi e connessioni ci sveniamo. Semplicemente non è fattibile su larga scala. Soluzioni: Mi spiace la matematica non ha sentimenti quindi, consumare di meno, utilizzare molto i derivati del petrolio o in alternativa il nucleare. Non abbiamo altro.

Fabio Silvestri 30.01.14 12:56Chi ha parlato mai di distruggere aree verdi?

E’ vero che impianti fotovoltaici sono nati su porzioni di terreni agricoli, ma sono in grande minoranza rispetto alle potenze installate in cave dismesse, tetti di capannoni industriali e di abitazioni private.

E’ giusto avere tolto gli incentivi ed avere permesso la detrazione fiscale del 50% ai privati, ma chi soffre più di tutti per il costo alto dell’energia sono in primis le aziende che se installano un impianto fotovoltaico godono di agevolazioni fiscali veramente ridicole!!

Scusate se mi ero illuso ,avevo fatto un commento il 22 01 14 sperando di essere chiaro .

SOLO uno stupido ho per interesse è contro le energie rinnovabili per principio,sappiamo benissimo che il futuro è in queste energie se vogliamo un pianeta ed uno sviluppo compatibile. MA questo non vuol dire accettare a priori tutte le tipologie,oppure non avere delle regole ferree anche nelle energie cosidette “verdi”,in nome

hollister chapstick

di queste si sono fatte è commesse le più grandi speculazioni,paragonabili solo a quelle edilizie degli anni 60.

IN Italia si sono avuti gli incentivi tra i più alti al mondo,ovviamente accaparati dai soliti pochi noti, lobby hollister chapstick internazionali come per l’eolico e fotovoltaico nei terreni agricoli fertili che dovrebbero servire a produrre i cibi mady in ITALY che tutto il mondo ci invidia.

SENZA o poche regole che sono state ovviamente byipassate con la complicità istituzionale,favorendo abusi è speculazioni oltre il derurpamento del paesaggio tutelato dall’art.9),altra grande richhezza del territorio Italiano,è solo dopo circa dieci anni sono state emanate le norme attuative ma oramai il danno è stato fatto è continua a perpetuarsi con migliaia di progetti e MW in attesa solo di avere rendite milionarie per 20 e oltre anni,favorite hollister chapstick vi ricordo dalla legge che permette l’espropio pubblico,(espropio pubblico per aziede e profitti privati ,altra grande beffa)che servono a società tipo eolico industriale per legittimare il propio stapotere

DAL M5S,mi apettavo prima di tutto che denunciasse questi abusi, che chiedesse delle regole è leggi che non permettessero abusi è speculazioni ,è che gli incentivi andassero solo alle famigle piccole aziende per autoconsumo ,è solo per il fotovoltaico sui tetti e capannoni industriali/agricoli/edifici pubblici. MA visto la vs interpellanza sugli obbiettivi energetici,mi avete deluso,è capisco perchè quando parlo bene di voi la gente non vi crede

flavio s. 28.01.14 20:28Condivido il tuo punto di vista.

Un generatore eolico, semplicemente collegato alla rete elettrica, ha bassi costi di gestione ed un impianto fotovoltaico ancora meno.